Yin & Yang opposti e complementari

Yin e di yang sono due forze, opposte e complementari che fanno parte, da sempre della filosofia e del pensiero cinese,ma anche qui, in occidente, il loro profondo significato ci aiuta a comprendere l’alternanza degli eventi che compongono le nostre vite.

Conoscere i principi legati a Yin e Yang può essere molto utile per cerare nella nostra casa quell’atmosfera, armonica e serena, a cui tutti ambiscono.

La tradizione collega alla natura femminile tutto ciò che è yin, e alla natura maschile tutto ciò che è yang. Inoltre yin rappresenta ciò che è freddo, oscuro, umido e inerte, e yang quel che è caldo, chiaro, secco e in movimento.

Il movimento, che circola ovunque nell’universo, fa alternare le due forze yin e yang, apparentemente opposte ma complementari, la cui azione combinata, congiunta, muove l’universo in tutti i suoi aspetti: i sessi, le stagioni, il giorno e la notte, la vita e la morte, il pieno e il vuoto, il movimento e il riposo, il secco e l’umido ecc.

Nessuna di queste nozioni è indipendente, sono tutte interdipendenti, poiché tutto è gioco d’alternanza, complementarietà, dualità, ma non c’è mai nulla di così netto, e ogni cosa è composta in proporzioni ineguali, di yin e di yang.

 

Yin-femminile

la notte

la luna

il nascosto

il versante in ombra di una collina

la passività

il riposo

la debolezza

mezzanotte

il molle

il negativo

il vuoto

la Terra

i numeri pari

la Morte

la Donna

Yang-maschile

il giorno

il sole

il manifesto

il versante soleggiato di una collina

l’attività

il movimento,

la forza

mezzogiorno

il duro

il positivo

il pieno

il Cielo

i numeri dispari

la Vita

l’Uomo

I giorni e le notti si alternano gradualmente, lo yang aumenta con il progredire delle ore diurne e diminuisce con il crepuscolo, mentre yin aumenta. La stessa cosa accade cono le stagioni nel corso della progressione dei mesi. Yin e yang all’equinozio di primavera, si equilibrano. Poi, i giorni si allungano, lo yang comincia a crescere e raggiungere il suo culmine con il solstizio d’estate. Pian piano i giorni diventano più brevi, lo yang diminuisce finché, all’equinozio d’autunno, il giorno e la notte si equilibrano nuovamente. A questo punto lo yin diviene predominante, e allora culmina la notte di mezzo-inverno, per decrescere poi regolarmente e ritrovarsi in equilibrio con lo yang al momento dell’equinozio di primavera dell’anno seguente.

Yin e Yang si alternano così, senza eliminarsi, come “l’inspirazione e l’espirazione, nella grande “Respirazione dell’Universo”.

Yin e yang si generano reciprocamente in un movimento circolare in continuo rinnovamento e il loro moto è rappresentato dal simbolo del Tao dove le due parti, a forma di virgola, contengono il seme (il piccolo cerchio di colore opposto) dell’elemento opposto.

La linea che divide il cerchio non è una linea retta perché rappresenta un rapporto dinamico; più cresce lo Yin tanto diminuisce lo Yang e viceversa, da un punto di vista temporale questo avvicendarsi dà luogo a un’alternanza ma la quantità di Yin e di Yang del totale rimane invariata.

Il nero inizia dove il bianco raggiunge il suo apice e viceversa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.