Teglie per tutti…gli usi!

Teglie per tutti gli usi.

Teglie per tutti gli usi !!! Torte, sformati, soufflé e budini: per ciascuno di questi piatti occorre una teglia  o una pirofila adatta,ecco come scegliere bene.

Teglie per tutti gli usi, stampi, pirofile ce ne sono di tutte le forme e misure.

Per orientarsi nella scelta è bene tenere presente che le superfici antiaderenti hanno il vantaggio di non richiedere l’uso del burro e della farina. Così sarà possibile isolare la preparazione dal fondo del recipiente e permettere di sformarla con estrema facilità.

Altro criterio è quello di scegliere stampi con cerniera apribile che permette di estrarre, senza capovolgerli, dolci lievitati e sformati. Il materiale più adatto? L ‘alluminio, in particolare, conduce il calore più rapidamente e in maniera  uniforme.

 

Rettangolari

  • Di solito sono in acciaio e hanno pareti lisce e leggermente inclinate
  • Vengono usate per cuocere pane, torte ai semi, plum cake e pani di zenzero.
  • Lo stampo non deve mai essere riempito per più di due terzi prima di mettere la pasta a lievitare.

 

A molla o a cerniera

  • Sono le più diffuse per la loro praticità
  • Hanno tre basi interscambiabili: una piatta, una ondulata e un’altra a ciambella.
  • Quando la torta è pronta basta sbloccare la molla e il bordo si allarga di 12 millimetri, staccandosi completamente dal fondo.
  • Sono indicate per le torte più delicate, per esempio di formaggio o farcite.

 

Con scanalature

  • Le pareti  scanalate permettono una  buona  lievitazione della pasta per brioche.
  • Gli stampi a pareti scanalate sono spesso usati anche per budini e creme caramel.
  • Il fondo di solito viene ricoperto di caramello.

 Teglia con foro centrale  

  •  Ve ne sono di diversi tipi, nella maggior parte dei casi hanno pareti a rilievo .Il tubo centrale, la cui altezza è almeno pari a quella del bordo, consente al calore di raggiungere il centro del dolce più rapidamente .
  • Se il tubo centrale è troppo corto lo si può allungare aggiungendo un cilindretto di carta da forno .
  • Questi stampi vanno imburrati e infarinati sempre .

A bordi bassi

  • La tortiera rettangolare con i bordi bassi (2 cm) , è ideale per cuocere uno strato di pan di Spagna da arrotolare.
  • Per mantenere il dolce morbido un trucco consiste nel mettere uno strato di carta da forno sul fondo.
  • Le teglie rotonde vanno benissimo per qualsiasi tipo di torta, quelle più basse per le crostate, le altre per le torte a strati e per quelle soffici.

 

Stampi in silicone

  • Da utilizzare peri tipi di preparazione: dolce e salata, da forno (anche microonde) da freezer. SI possono usare con estrema libertà, spostando le preparazioni contenute al loro interno direttamente dal frigo o dal freezer al forno, con il vantaggio di non dover mai cambiare recipiente.
  • Si consiglia di fare attenzione al primo utilizzo, infatti, è possibile che alla prima cottura in forno potrebbero rilasciare sostanze indesiderate che vanno a finire nelle torte.
  • Quindi, dopo aver lavato accuratamente lo stampo con acqua calda (a 50°C) o in lavastoviglie, al primo utilizzo si consiglia di imburrare la superficie interna dello stampo per garantirne la massima antiaderenza. Per tutti i successivi utilizzi non serve ungere con burro o né con altri grassi.

 

In acciaio Inox

  • Lasagne e portate a base di carne o pesce necessitano di teglie più grandi e preferiscono l’acciaio inox: facile da pulire e inodore.

Pirofile in vetro boro silicato (Pyrex)

  • Le  teglie e cocotte in vetro borosillicato sono resistente al calore e comodissime, in quanto permettono di cuocere e servire direttamente i cibi. Adatte alla lavastoviglie, al forno sino a 300° C e al freezer sino a -40° C.

TRUCCHI

  • Se non avete una tortiera a cuore un buon sistema consiste nel preparare due torte, una quadrata e un’altra rotonda e nell’unirle insieme (dopo aver tagliato in due quella tonda) come illustrato sopra.

 

  • Se invece quella che vi manca è la tortiera per le ciambelle potete utilizzarne una rotonda mettendovi in centro un barattolo di latta con un peso all’interno (vanno bene anche legumi secchi) per evitare che si sposti.

 

  • Per mantenere piatte le torte alla frutta posate la teglia (meglio quelle in ceramica) su un tegame pieno d’acqua, frapponendovi una reticella: l’acqua trasformandosi in vapore terrà bassa la torta. A metà cottura togliete il tegame.

 

  • Per estrarre una torta da un, teglia a molla: lasciatela raffreddare mezz’ora, poi poggiatela su un barattolo di marmellata sganciate e lasciate scivolare l’anello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.