La casa del freelance

la casa del free lance

La casa del freelance è il luogo dove si avverano i tuoi sogni e non c’è spazio per le paure.

Da un po’ di tempo seguo una pagina facebook rivolta sopratutto a donne che hanno intrapreso, o stanno pensando di farlo, la carriera di freelance.

Qualche giorno fa il post, di una delle partecipanti del gruppo, ha attirato la mia attenzione. Sara chiedeva un consiglio perché vuole lasciare il suo lavoro, ben retribuito, ma ormai diventato pesante e insopportabile. Vuole essere libera e seguire la sua vera passione: la consulenza e il coaching per piccole aziende. Ecco il quesito di Sara: “Ogni tanto vengo presa dalle paure, mi dico “ma chi te lo fa fare?”, e mi sale l’ansia. In altre giornate mi sento super positiva e ho voglia di spaccare. Voi avete mai vissuto questa altalena emotiva? Suggerimenti per la gestione?

Per tutte le Sara, che vogliono fare il grande salto, ecco allora il mio contributo.

Dopo 34 anni di libera professione, a Sara e alle altre amiche, che  vogliono liberarsi della “schiavitù” di un lavoro dipendente, razionalmente mi verrebbe da dire:” Tenevi stretto il vostro lavoro, perché i tempi sono duri e pieni d’incertezze”.

Il mio cuore però è sempre dalla parte di chi insegue i propri sogni, quindi amiche e amici, ecco qui i consigli Casatherapy per chi vuole lavorare in autonomia.

La libertà senza regole non è libertà.

Può sembrare una strana affermazione, ma se pensi che mettersi in proprio, voglia dire poter disporre del proprio tempo in estrema libertà, ti stai sbagliando di grosso.

Un bravo freelance costruisce la sua attività e la rende prospera, grazie al proprio talento e a una programmazione attenta delle proprie attività e del proprio tempo.

Programmare vuol dire creare dei confini, un confine ci permette di contenere le nostre capacità e le nostre forze e quindi di convogliare e costruire.

Puoi fare una programmazione annuale delle attività principali e una mensile per i progetti a breve termine o per la realizzazione degli step di avvicinamento ai progetti più articolati (come ad esempio, la creazione di un libro, l’apertura di un nuovo sito o di un nuovo spazio di lavoro, ecc.). Infine, dovrai programmare la tua settima lavorativa. Tutti gli impegni e i programmi, li puoi organizzare, utilizzando gli innumerevoli strumenti che trovi online. Oppure, puoi  sempre affidarti alla cara e tradizionale, agenda cartacea. Per la programmazione settimanale, il mio consiglio è di appendere, vicino alla tua postazione di lavoro, una tabella con tutte le tue attività. Nella tabella settimanale, dovrai scrivere anche gli impegni che prendi con te stessa, quelli che ti permetteranno di vivere con più energia.

Al termine di ogni settimana, fa una check di tutte le attività svolte, per capire se hai messo troppa carne al fuoco e devi ricalibrare gli impegni della settimana successiva. Soprattutto verifica se ti sei ricordata di te.

Ricordati di Te

Un lavoro in proprio è come un figlio molto amato e molto esigente. Il rischio più grande è che la passione per ciò che fai assorba tutta la tua attenzione. Così inizi a dimenticarti degli orari e soprattutto di te stessa. Poco tempo, per mangiare, poco tempo per dormire, poco tempo per “sentirti” e se le cose non dovessero andare come desideravi, tutte le energie diventano mentali. Il cervello inizia ad avere il sopravvento sul resto del corpo, per trovare idee e nuove soluzioni. Perdere il contatto con il tuo fisico è controproducente, perché rischi di disconnetterti dalle sorgenti di energia vitale e di farti prendere dalla paura e dall’ansia. Ma tu non vuoi questo!!!! Tu vuoi una vita felice e la soddisfazione di veder crescere il tuo lavoro, forte e prospero. Quindi:

Respira

Ogni volta che la paura e l’ansia ha il sopravvento, fermati e respira.  Se puoi fallo all’aperto, ma se sei troppo occupata dal lavoro, puoi fare degli esercizi di respirazione anche in casa. Ricordati però che se lavori in casa devi fare in modo che l’aria sia pulita e che non ci sia polvere sulle superfici. Fatti aiutare dagli oli essenziali per profumare l’ambiente. https://www.casatherapy.it/gocce-di-oli-essenziali/

Puoi anche adottare il Draw breath, semplici esercizi che abbinano la respirazione, profonda e consapevole, al segno libero della matita. Con il Draw breath si impara a vedere la matita come un’estensione del respiro, come se il movimento del polso fosse guidato dalla nostra respirazione. Ne parlerò più diffusamente in un prossimo post, ma nel frattempo puoi acquistare il libro.

 

Attenzione alla postura. Quando stai seduta, per molto tempo, alla scrivania, con le spalle incurvate in avanti e il torace chiuso, si depotenzia il movimento del diaframma e il buon funzionamento del respiro. Il diaframma si riattiva con il movimento con sforzo,  ad esempio salire le scale o camminare in salita. Se abiti in un condominio cerca di fare esercizio, su e giù per le scale, ogni giorno.

Bevi

L’acqua è fondamentale per vivere bene, sopratutto per chi passa molto tempo seduto. Ricordati di bere con regolarità e tieni sempre accanto a te una bottiglia d’acqua.

Spesso l’ansia è legata alla mancanza d’acqua che il nostro corpo avverte come una minaccia alla sopravvivenza.

Se ti dimentichi troppo spesso di bere, usa ULLA, un dispositivo che si applica alla bottiglia e ti avvisa quando è trascorso troppo tempo dall’ultima volta che hai bevuto.

Mangia

La dieta, per chi lavora in casa, spesso è un tasto dolente. La vicinanza del frigo, l’ansia e il poco movimento sono un trittico pericoloso. Fondamentale per una freelance è seguire una dieta personalizzata.

Per questo argomento ti consiglio il blog di Myriam Sabolla e il suo e-book https://www.thefoodsister.it/mangia-bene-lavora-meglio/

Cammina

Non dimenticarti di fare movimento, solo così scarichi le tensioni e mantieni il contatto con la terra. Se sei tanto impegnata e non puoi uscire, ti coniglio di acquistare una passatoia (un tappeto lungo e stretto) di fibra naturale, bella ruvida, da tenere accanto alla scrivania. Cammina sulla stuoia a piedi nudi e concentrati solo sulla pressione dei piedi sul tessuto ruvido. Solleva un piede, abbassalo e poi alza l’altro piede, sempre respirando profondamente. Muovi qualche passo e ascolta i rumori attorno a te. Se la tua mente torna a pensare al lavoro, concentrati nuovamente sulla sensazione tattile dei tuoi piedi a contatto con la stuoia. Ripeti questa tua “camminata” casalinga ogni volta che avverti ansia e fino a quando non ti sentirai rilassata.

Dormi tanto

Chi lavora per se stesso, soprattutto chi lavora in casa, tende ad essere molto sregolato nel dormire. La sregolatezza non è l’alleata più indicata per chi vuole avere successo come freelance. Cerca di darti degli orari, ma soprattutto impegnati a migliorare la qualità del tuo sonno.

Troverai dei consigli molto utili in questo post. https://www.casatherapy.it/certe-notti/

Ricordati  di controllare che il tuo letto sia al posto giusto!!! https://www.casatherapy.it/posizione-del-letto/

alla ricerca di minuti preziosi

Vuoi progettare insieme a me la tua Casa da freelance? Scrivimi qui per conoscere costi e modalità Possiamo farlo anche a distanza!!!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.