In vino veritas…con il bicchiere giusto!

Il bicchiere giusto per i giorni di festa? Leggi qui come sceglierli!

Innanzi tutto un po’ di galateo:

I bicchieri devono essere posizionati leggermente a destra, rispetto al centro del piatto.

Mettete almeno due bicchieri: uno più grande per l’acqua e uno per il vino.

Come limite massimo dispone te sul tavolo quattro bicchieri. Partendo da sinistra quello per l’acqua (grande), quello per il vino rosso (medio), quello per il vino bianco e, dietro a questo gruppo, il bicchiere per il i vino da dessert o per lo spumante.

I bicchieri inutilizzati vanno tolti prima del dessert.

E poi … per esaltare al meglio le caratteristiche di ogni vino, occorre servirlo in un bicchiere dalla forma adeguata. Meglio scegliere quelli con il gambo, che evitano di scaldare il vino.

 

Flùte per spumanti: La sua forma allungata permette di osservare l’intensità e la velocità di risalita delle bollicine (perlage) e di percepire meglio i profumi dello spumante.

Flùte  per spumanti millesimati: Ha la forma leggermente più svasata e capiente del normale flute per spumanti.

Coppa per spumanti dolci e moscati : Ideale per Moscato, Asti Spumante, Brachetto e Malvasia dolce pennette di coglierne la fragranza intensa.

Per vini bianchi: A forma di tulipano, ha l’imboccatura equilibratamente svasata e consente di cogliere i profumi freschi e fruttati dei vini bianchi giovani da bere subito.

Per vini bianchi strutturati e vini rosati :Più ampio di quello per vini bianchi, è adatto ai bianchi di maggior corpo o barricati ma anche ai vini rosati.

Per vini rossi giovani :La sua forma permette di esaltare i profumi dei vini rossi giovani o di medio corpo.

Per vini rossi di corposi:Permette di far respirare i rossi di una certa struttura e di far esprimere al meglio i loro pro- fumi.

Per vini rossi di medio invecchiamento: Studiato per i rossi importanti già invecchiati di qualche anno che hanno bisogno di maggio- re ossigenazione. Non deve essere riempito per più di due terzi.

Per vini rossi molto invecchiati :È il classico “ballon” sferico in cui i profumi possono svilupparsi al meglio permettendo al vino di essere fortemente ossigenato.

Per vini dolci: È adatto per molti tipi di vini dolci, i passiti, i vini provenienti da vendemmie “tardive”, come il Recioto, ma anche per vini ad alta gradazione come il Marsala o il Porto.

Per grappe, acquaviti e spiriti in genere: La forma caratteristica permette di mantenere il naso a una giusta distanza dalla superficie del distillato, in modo da farne sentire gli aromi ma non l’alcol.

 

 

Lascia un commento