Il coraggio di cambiare: siamo tutti dei fiori

Il coraggio di cambiare

Alle vote è indispensabile trovare Il coraggio di cambiare, perché siamo tutti dei fiori, alla ricerca del terreno giusto!

Oggi, uscendo di casa, ho avuto la bella sorpresa di vedere un bellissimo fiore, sbocciato sulla mia pianta di ibiscus .

Una pianta che mi è stata regalata qualche mese fa da mia sorella e che per questo mi sta molto a cuore.

Ma un mese fa era ridotta malissimo, la tenevo in casa perché mi piaceva vederla accanto alla porta d’ingesso, ma improvvisamente aveva perso  quasi tutte le foglie.

Stavo già pensando di darla per spacciata quando ho provato l’ultimo “estremo” tentativo !!!

Così l’ho messa in un angolino del mio giardinetto, al sole diretto per poche ore alla mattina e poi all’ombra, ma non troppo.

Ho continuato con le innaffiature serali quotidiane, ed ecco che in breve tempo è tornata la pianta magnifica regalata da mia sorella.

Grazie all’ibiscus mi è tornata in mente una cosa che dico spesso durante le conferenze di CASA therapy.

Solitamente, proprio all’inizio della conferenza mostro questa foto

bustina di semi

Si tratta della foto di una bustina di  semi di prezzemolo, sul retro della bustina ci sono  tutte le indicazioni per ottenere delle belle piantine.

indicazioni semina

Per ottenere un buon risultato, con ogni tipo di pianta, è importante sapere il tipo di terreno giusto, la giusta esposizione e il momento dell’anno più indicato per la semina o la messa a dimora.

E noi? Noi siamo meno di un seme? Oppure ci adattiamo a tutto e possiamo stare dappertutto?

Forse si, se il nostro animo è sereno, se la nostra vita è piena di gioia e se abbiamo la consapevolezza di chi siamo veramente.

Ma se non è così?

Se ci sentiamo come una pianta che ogni giorno perde una foglia….

Forse è il momento di considerare la possibilità di qualche cambiamento nell’ambiente in cui viviamo o lavoriamo. A volte basta poco, a volte il cambiamento deve essere radicale.

Quando basta poco dobbiamo mettere mano alla nostra casa per costruire il nostro habitat. Il nostro terreno fertile che si costruisce partendo dalla consapevolezza di ciò che ci fa bene e che ci piace nella nostra casa.

Possiamo fare un elenco di ciò che ci piace e perché e poi l’elenco di ciò che detestiamo della nostra casa e perché.

Sarà un primo passo per iniziare a comprendere perché non stiamo bene nella nostra casa e così individuare i punti dove intervenire.

Lo step successivo è quello di stilare la lista delle priorità e stabilire così le azioni e i tempi per attuare i cambiamenti che intendiamo intraprendere per migliorare la casa o l’ambiente dove lavoriamo.

Quando invece ci sentiamo davvero oppressi dall’ambiente in cui viviamo, dobbiamo considerare seriamente, l’opportunità di un cambiamento radicale.

Alle volte per la nostra salute, sia fisica che mentale, un cambiamento è più che indispensabile.

Anche se costa fatica e la cosa ci spaventa, un trasloco, pensato e bene valutato, in un “terreno” adatto a noi è la sola via per ritornare a fiorire…e io ne so qualcosa.

Se ci stai pensando e vorresti parlarne con qualcuno, anche solo per fare un punto della situazione scrivimi !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.