Certe notti…

…sei sveglio e … ti agiti nel letto invocando il sonno? Sarà la primavera in arrivo? Chissà? Ecco allora qualche consiglio:

Se al mattino ti svegli stanco e indolenzito, fermati a riflettere, forse la causa sono i pensieri che ti assillano.

Forse è lo stress di una vita che non lascia spazio ai sogni.

Forse  sottovaluti che un letto, pensato per il tuo benessere,sia la risposta, un regalo che ti devi concedere.

Perché la notte è fatta per darti nuovo vigore, solo così le tue giornate saranno ricche di emozioni.

Ecco alcuni consigli per  una nuova dimensione del sonno che sarà fonte di ristoro e di vita.

IL PRIMO CONSIGLIO  PER DORMIRE BENE

Il sonno consente di recuperare le energie perdute e di eliminare lo stress.

Nel letto passiamo circa un terzo della vita, ed è proprio quando siamo sdraiati che la spina dorsale viene sottoposta a notevole pressione è importante quindi scegliere il materasso giusto:anatomico, igienico ma sopratutto ortopedicamente corretto.

Con un sostegno troppo flessibile si viene a creare il cosiddetto “ effetto amaca” e l’insorgere dei primi problemi alla schiena.


Con un sostegno troppo rigido si possono creare dei punti di pressione dove il sangue si ferma e non circola.

Il sostegno ideale è quello in cui il corpo è sostenuto in tutti i punti e la spina dorsale è completamente scarica.

I materassi vanno scelti in base alla corporatura della persona che vi dovrà dormire. Le persone robuste dovranno scegliere, un materasso compatto,  mentre i magrolini trarranno maggiori benefici da un materasso più leggero.
Il materasso, come tanti altri luoghi della casa, può diventare ricettacolo di acari; in questo caso, basterà utilizzare della biancheria anallergica per tenerli fuori dal vostro letto. Inoltre, anche la manutenzione del materasso gioca un ruolo importante nel combattere gli acari. Basterà, infatti, lasciarlo scoperto per circa mezz’ora una volta a settimana perché i tessuti utilizzati nella sua produzione si rigenerino ed impediscano la loro formazione.
Infine, ricordate di girarlo testa-piedi almeno una volta al mese e di capovolgerlo sopra-sotto ad ogni cambio di stagione. Eviterete così avvallamenti nella sua struttura.

Il materasso va cambiato almeno ogni 5 anni, benché alcune case produttrici assicurino la loro funzionalità anche per più tempo. In ogni caso dopo una lunga malattia o dopo una separazione dal partner, cambiare il materasso e i cuscini è una regola d’oro per ritrovare salute e stabilità interiore

 

 

 

IL SECONDO CONSIGLIO PER DORMIRE BENE.

 

Anche la scelta del cuscino giusto è importante per la qualità del tuo sonno.

Cuscini del benessere

Imbottitti con cotone, pula di grano saraceno biologico, pula di miglio biologico, pula di farro biologico e riccioli di lattice naturale.Cotone
Anallergico, igienico e antistatico.

Pula di grano saraceno
La particolare consistenza fa si che si adatti perfettamente al collo ed alla testa modellandosi come sabbia.

Pula di miglio
Morbida e setosa al tatto, fruscia dolcemente sotto alla testa adattandosi perfettamente alla sua forma. Dalle proprietà antinfiammatorie.

Pula di farro
Si adatta ad ogni movimento. E’ un ottimo accumulatore di calore: il calore corporeo viene accumulato e ceduto lentamente.

Riccioli di lattice
Rende il cuscino compatto e piuttosto rigido.

 

 

IL TERZO CONSIGLIO PER DORMIRE BENE

 

Tanti consigli utili arrivano dal mondo della bioarchitettura, forse molti li consoci già, ma un ripasso è sempre “salutare”.

Un ambiente troppo caldo o troppo freddo può influenzare negativamente la qualità del sonno, provocando continui risvegli o difficoltà ad addormentarsi. Scegli per la tua camera una temperatura tra i 18 e i -20 gradi

L’umidità non deve scendere al di sotto del 50 per cento.Troppo bassa può provocare secchezza della cute e delle mucose.Troppo alta può determinare l’aumento di muffe e funghi, portatori di allergie e di disturbi alle vie respiratorie.

Quando la temperatura esterna è alta, è utile servirsi di climatizzatori, pale da soffitto e ventilatori per rinfrescare la stanza da letto.Vanno però spenti mentre si dorme, per evitare la comparsa di torcicollo,mal di schiena o mal di gola.

La presenza  nella camera di apparecchi radio, radiosveglie  e televisori che emettono onde elettromagnetiche difficilmente schermabili  può essere altamente nociva per la salute; la televisione, eventualmente, può essere inserita in un mobile. Vi sono in commercio dei dispositivi da collegare all’impianto elettrico che permettono di chiudere tutti i circuiti elettrici, della camera, durante la notte

I letti e mobili in ferro sono sconsigliati perché si caricano elettrostaticamente.

Per favorire il sonno la stanza da letto deve essere buia e silenziosa.

La luce stimola il sistema nervoso a produrre sostanze che inducono lo stato di veglia, mentre il rumore invia stimoli al cervello impedendogli un riposo profondo.

Sono inoltre da evitare gli specchi perché di notte emettono  fotoni luminosi che possono disturbare il sonno.

Gli indumenti da indossare per la note devono essere di fibre  naturali (come cotone, seta, lino), che impediscono un’eccessiva sudorazione e permettono alla pelle di respirare.
L’abbigliamento deve essere comodo, anche di un paio di taglie in più rispetto al normale, e non deve avere elastici (in vita, ai polsi o alle caviglie), per non ostacolare la circolazione sanguigna.

 

IL QUARTO CONSIGLIO PER DORMIRE BENE

Anche il Feng Shui che ti può aiutare a trasformare al tua camera da letto in un luogo veramente speciale.

I colori

Se una camera è troppo piccolo bisognerà usare dei colori tenui e delicati, se invece la camera è molto grande sono  indicati i colori più intensi che trasmettano una sensazione avvolgente e calda

L’arredamento:

La camera è il luogo più intimo della casa, dove creare un clima rilassante e tranquillo.

Sono molto importanti le proporzioni e in ogni caso la camera dovrà contenere pochi mobili di proporzioni adeguate allo spazio. Non vi dovranno essere angoli e spigoli che puntano verso il letto, Non vi dovranno essere punti disordinati  e le linee e le forme dovranno essere semplici.

Le mensole sopra la testiera del letto possono disturbare il sonno perché danno un senso di oppressione e di instabilità.

I soggetti e i colori dei quadri presenti nella camera dovranno essere suggestivi e tenui

La posizione del letto

La posizione del letto è molto importante perché durante il sonno si recuperano le forze e le energie per affrontare un nuova giornata.

Bisogna innanzi tutto considerare la posizione del letto in relazione alle porte e alle finestre.

La posizione migliore è quella che permette di avere  dal letto una buona visione della porta.

L’armadio dovrà essere posto a fianco del letto con solo mobili bassi. Le finestre è preferibile averle a fianco del letto.

Da evitare:

Il letto è posto davanti alla porta  che per i Cinesi è la posizione in cui venivano collocati i defunti prima della loro sepoltura. Nei casi in cui non sia possibile spostare il letto si potrà collocare un paravento o un elemento d’arredo tra il letto e l’entrata

Il letto collocato davanti o di fronte ad una finestra, perché in questo modo si è troppo esposti alle correnti d’aria. In questo caso sarà importante schermare con tende o veneziane le finestre

Il letto con la testiera nel punto più basso di una stanza con il tetto spiovente.

Il letto con un lato lungo appoggiato alla parete; i letti dovrebbero essere scostati, lateralmente, dal muro di almeno 50 cm.

Il letto sotto un lampadario (meglio optare per una luce da terra o una plafoniera), sotto una trave portante o con la testiera sotto una mensola o con altri elementi sporgenti che coprono del tutto o parzialmente il letto (la soluzione può essere quella d rimuovere gli elementi non strutturali o di ricoprirli con tessuti o contro soffitti).

 

 

IL QUINTO CONSIGLIO PER DORMIRE BENE

 Non trascurare l’importanza che il sonno riveste nella vita dei tuoi bambini.

Ecco i consigli feng shui per la stanza dei piccoli

Nella camera dei bambini il letto non dovrebbe mai essere collocato davanti all’armadio per non correre il rischio che i bambini dormano male o abbiano attacchi di ansia ingiustificata.

In  mobili pesanti e incombenti dovrebbero essere chiari e avere forme morbide e arrotondate.

I mobili a ponte o le mensole sopra al letto possono essere la causa di frequenti mal di testa. Il letto inserito in un mobile a ponte e tutte le strutture che creano una sensazione eccessiva di protezione, pur essendo gradite ai bambine, possono creare in loro un eccesso di insicurezza nella vita.

In una camera dei ragazzi spesso le funzioni dello studio e del gioco sono mescolate con quelle del riposo, se la dimensione della stanza lo consente, sarebbe meglio separare gli spazi e in ogni caso le apparecchiature elettriche come il computer non dovrebbero trovarsi troppo vicino al letto.

Prima di dormire è indispensabile staccare tutti i collegamenti elettrici e aerare bene il locale per qualche minuto.

Colori: All’età infantile è collegato l’elemento legno che per i cinesi è l’elemento legato alla primavera. Il bimbo che è alla scoperta del mondo è visto come un albero che espande i suoi rami in tutte le direzioni.

Il colore associato a questa stagione della vita è il verde ed è un colore che dovrebbe essere presente in una cameretta perchè aiuta a sviluppare la creatività.

Suoni: i bambini sono molto sensibili ai suoni, è bene quindi cercare di circondarli con suoni armoniosi ed evitare rumori improvvisi che possono, sopratutto, disturbare il loro sonno. Nella scelta della camera all’interno ella casa non bisognerà, però isolarli troppo, ma fare in modo che dalla loro camera sia possibile sentire le voci confortanti dei genitori e suoni domestici della casa.

Dato l’alto numero di bambini che soffrono fin dalla più tenera età di allergie è importante l’uso di materiali naturali, non solo per i mobili e le tappezzerie, ma anche per i pavimenti, le pitture murali e i prodotti per la pulizia.

 

 IL SESTO CONSIGLIO PER DORMIRE BENE

C’è chi dice che per dormire bene bisogna orientare il letto con la testiera a nord. I Cinesi non la pensavano così, per loro l’uomo, come ogni altro essere vivente, ha bisogno di rivolgersi verso la direzione  più giusta per vivere in armonia.

A seconda del tuo anno di nascita potrai stabilire verso quale direzione guardare e decidere quindi come orientare il tuo letto.

 

IL SETTIMO CONSIGLIO PER DORMIRE BENE

Tanti piccoli consigli per la conquista di un sonno ristoratore.

Ci vuole un pizzico di magia e la curiosità di provare…per credere

I profumi

Potete scegliere oli essenziali rilassanti come lavanda, melissa, camomilla, oppure combinazioni sensuali come ylang ylang, gelsomino, rosa, giacinto, vaniglia, legno di sandalo.

Potete scegliere di accendere una candela ma fate attenzione alla fiamma, oppure potete optare per gli incensi che si spengono lentamente.

Se però non amate il fumo dell’incenso potete usare gli olii essenziali imbevendo dei legnetti di cedro o usare dei ciottoli di terra cotta

I cristalli

Secondo la cristallo terapia: avventurina, fluorite e acquamarina , sono in grado di proteggere dalle allergie, per un sono riposante, invece, si potrà usare il calcedonio blu e l’ametista.

Ogni cristallo va lavato e posto alla luce del sole per una intera giornata, poi potrà esser collocato vicino al letto o sotto il cuscino

I colori

Un pigiama blu concilia il sonno. Il rosso è troppo eccitante, il nero può indurre la depressione.

Tutti i colori tenui sono più rilassanti  sopratutto l’azzurro e il verde.

Le musiche

I suoni che ci possono accompagnare dalla veglia al sonno devono essere rilassanti.

No a tamburi e percussioni si alla musica classica e New Age dove i suoni sono soprattutto emessi dai strumenti a corda o flauti.

Il gusto

Per conciliare il sonno può essere utile  bere una tisana di passiflora,camomilla, tiglio o biancospino.

L’OTTAVO CONSIGLIO PER DORMIRE BENE.

Anche un alimentazione adeguata può aiutarti a dormire meglio.

Segui quindi queste semplici regole.

Non coricarti durante la digestione.
Tra la cena e il momento di andare a dormire dovrebbero passare almeno tre ore. La posizione assunta durante il sonno provoca un rallentamento della digestione quindi, una maggiore difficoltà a dormire un sonno tranquillo.

Abbuffarsi o consumare cibi grassi, fritti o elaborati può provocare problemi digestivi, causando continui risvegli o un sonno agitato.Sono da preferire i cibi ricchi di triptofano, un aminoacido da cui l’organismo prende la serotonina, il neuro trasmettitore cerebrale che concilia il sonno.
Tra questi: latte, yogurt, pasta, pane, riso, cereali integrali, grano e germe di grano, soia, fagioli, mandorle, arachidi, noci, nocciole, fichi, banane, albicocche, tonno, pesce azzurro, tacchino, pollo, crescione.

Fai attenzione alle bevande alcoliche. Il primo effetto dell’alcol è quello di favorire il sonno, ma è una conseguenza ingannevole e temporanea. In realtà, causa continui risvegli, rendendo il sonno frammentario.
Nelle prime ore dopo la sua assunzione, l’alcol provoca un sonno pesante poi, nel corso della notte, a mano a mano che l’organismo lo metabolizza e il suo livello nel sangue si abbassa, diventa inquieto, leggero e disturbato.
Non bere tè ne caffè perchè  contengono sostanze eccitanti (come la caffeina) capaci di stimolare in modo eccessivo il sistema nervoso e impedire un sonno tranquillo.
Se proprio si tratta di una abitudine a cui non si può rinunciare, bisogna almeno limitarsi a berne solo una tazzina. Meglio evitare anche la cioccolata, perché anch’essa contiene sostanze stimolanti.

Anche  se con l’alimentazione a poco a che fare ricordati di evitare di fumare prima di andare a letto La nicotina, essendo un eccitante del sistema nervoso, può disturbare il sistema nervoso.

 IL NONO SEGRETO PER DORMIRE BENE

Anche i pensieri positivi ci aiutano ad attraversare la notte con  serenità e pace interiore.

L’esistenza, non solo quella umana ma quella dell’intero universo, è qualcosa di transitorio, in costante mutamento.

 L’unica cosa che rimane sempre la stessa è il nostro desiderio di essere felici, evitando ogni problema e sofferenza.

 Questo sentimento è,  costantemente presente, ed è alla base dell’evoluzione umana.

 La causa essenziale della felicità –  una felicità e una pace autentiche – è la pratica dell’amore e della gentilezza.

 Tenzin Ghyatso,

XIV Dalai Lama del Tibet

IL DECIMO CONSIGLIO PER DORMIRE BENE

 

Dopo tutto ciò che hai fatto per il tuo sonno, con amore e fiducia, sei pronto per entrare nel mondo dei sogni. I sogni sono come le bolle di sapone, leggere ed evanescenti, ma hanno in se una miriade di colori e di immagini che ti possono aiutare a ritrovare serenità e leggerezza.

In luoghi molto lontani questo stato di pace si chiama meditazione, ed emergono dai questi sogni guidati, immagini e simboli che aiutano l’uomo a liberarsi da paure e condizionamenti.

L’insieme di questi disegni per i monaci tibetani si chiama Mandala Il  mandala è un disegno visualizzato in un particolare momento d’estasi meditativa dai grandi lama buddisti, tradotto, in seguito, in modo visibile a tutti, utilizzando delle sabbie colorate. Il mandala racchiude in se un potente messaggio simbolico di pace e salute; per i monaci rappresenta un momento di meditazione e preghiera. I colori e i disegni hanno tutti un significato e sono un invito  per la nostra mente a lasciare andare le paure e trovare spazio per le emozioni e per il cuore. Questo disegno, fatto con tanta maestria è però effimero come ogni cosa della vita ed è per questo che al suo compimento, i monaci lo distruggono per liberare la sabbi nell’aria affinché possa raggiungere il cuore e le menti di tutti .

Il consiglio è quello di imprimersi, negli occhi e nel cuore. l’immagine del Mandala prima di spegnere la luce e poi lasciare che l’immagine svanisca. diffondendo in noi la pace e la serenità del suo messaggio simbolico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.